parola

donna2
Vedi quei crepuscoli di raucedine
crepe di labbra pietà di memorie
intermittenti istanti come iperboli
ombre riflesse sui pontili scalzi

vedi danno corpo alle parole
mai pronunciate e per gli occhi
odore di buio tessono
mentre tu indossi coraggio di rondini
quasi sortilegio da sfatare
m.a.

adams_ansel_08_1902_1984_7k

[…] Nella parola muore ciò che dà vita alla parola; la parola
è la vita di questa morte.Jabès

un cumulo di sabbia si veste di solitudine
rappresa sbaraglia il centro che soccombe
il corpo ai margini dentro ogni bellezza
schiude paesi in cieli ormai remoti
non c’è poesia sull’orlo tra la notte e il giorno
solo graffi le mie fedi sulla roccia
m.a.

tumblr_mfu831lVjC1qhgogbo1_500
ha in sè impertinenza
di fischio
nota che vibra in sciame
tra veglia e sonno
ma il passo muto
naufraga nel vuoto
in dileguata foce

***
nel fragore di turbine in volo
non c’è inizio e fine
sopra la sabbia il sole
incensi sulle gote
ma l’abisso ha sapore di terra
il cielo è morto
solo resta
lasciarsi attraversare
in un lungo assolo

m.a.

«Per esistere è sufficiente lasciarsi andare a essere,
ma per vivere,
bisogna essere qualcuno,
bisogna pure avere un OSSO,
non aver paura di mostrare l’osso,
e rischiare di perdere la carne”.

A.Artaud
1002429_10151699908749863_1728015251_n

non resta a guerra finita
che un dardo smemorato
su pelle riarsa
labile erranza di sabbia
nel bosco di segni
crepe ribelli
non piegate dai venti
senza posa
non c’è risposta e forgiarsi
di nuovo destino nello spazio
così lieve al più piccolo tocco
disperde sopra una riva
come onda fugace le parole
non resta a guerra finita
che tendere imboscate
alle notti
sfiorarne gli abissi
più neri colori imperfetti
di una guerra lontana
e dilatare la carne esplosiva
che ci appartiene.
m.a.

“Il silenzio è nella parola come una parola da leggere.”Jabès

BehindTheVeil_byThomasDodd

le parole sfondano buchi nel deserto
e non c’è nulla che possa tenerci
roche annunciano respiri
di altre solitudini
gabbie incendiate da confuso patire
tu cerca il ritorno nella nebbia
alto un urlo sul fiume trascende
lingue di stranite macerie
temo sia tardi
alita su di noi sfiducia desolata
progenie alta di silenzio
terra di confine e radici
su tracce di ombre lunghe
nel volo della notte

m.a.

image-a25515076
si compie il cerchio ma nella discesa
tutto arde
lassù solo il perpetuo incandescente
inizio e fine
via che sfida l’altezza
nel suo precipitare
*
la luce in una fessura
graffia
come fugace attimo
di felicità
tra sensi e cielo
alita su di noi lo spazio
vuoto
pulsione inavvertita
fra corpo e cosmo
demone acuminato
di verità
m.a.

radek_cermak_052_duplex(1)

Per nervature riflesse
tu guidami e nascondimi nel bosco
chi agisce così non lascia tracce
e quel poco di coraggio che mi resta
fortifica di luce chi si oppone

qui solo roccia nel ventre disseccato
a lanciare destrieri sulla sabbia
screziata di barlumi

qui su scoglio indifferente a briglia sciolta
di temporale
fardelli inusitati dietro ombre
stampano artigli tra fessure
m.a.

foto di F.Woodman
300web_Francesca_Woodman_Provi_80

tutto il peso di travi indifferenti
a spostare foglie come macigni
ventre incustodito la notte
sbaraglia certezze di luce
nel silenzio di ali possenti

disperati i gridi dell’alba

promesse di radici
tra scandali di polvere nera
sciami di parole a bruciare ossigeno
non c’è conforto che tenga
si oscura alle mie spalle
la parola sola testimone impercettibile
di levità già nel nascere
in movimento fino al rigido morire
come albero
la vita

m.a.

foto di Francesca Woodman
fw

Il tempo tu chiedi
lontananza senza respiro
mancanza  vuoto che scalcia
silenzio bastardo dinamite murata
dal niente
solo occhi di sabbia pendono
trasversali alla luna
Il tempo tu chiedi
seme violento di spavalde cesure
su spartiti di luce vorace
schiude alla notte
il suo vaneggiare
m.a.

se questa primavera…

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
se questa primavera trasformasse voli
in nubi di candore
un’altra verità schiuderesti
in ondate di risvegli sulle mani
senza sfaldare
sconnessi pensieri
nascondono semi di germogli
in stesure di rime
a braccia aperte sradicano radici
di passo in passo
ma penombra a ogni latitudine
fluisce
isolando nei barlumi l’ora del candore

m.a.