natura

LA POESIA PRENDE VOCE: ELISA RUOTOLO, RITA PACILIO, MICHELA ZANARELLA

Oggi, su Limina mundi, per la rubrica “La poesia prende voce” da me curata, letture di Rita Ruotolo, Rita Pacilio e Michela Zanarella. Buon ascolto!

LIMINA MUNDI

La poesia prende voce

DONNE IN POESIA

Elisa Ruotolo

di Elisa Ruotolo, da “Corpo di pane”, Edizioni Nottettempo, 2019, legge la stessa autrice

Rita Pacilio

di Rita Pacilio “Ricorderà il suo peso affaticarsi” da “Quel grido raggrumato”, La vita felice, 2014, legge la stessa autrice

Michela Zanarella

di Michela Zanarella “Esiste una lingua segreta” da “Recupero dell’essenziale”, 2022, Interno Libri, legge la stessa autrice

View original post

“Sul margine”

Cari amici, con l’arrivo del nuovo anno, ( spero  sia di buon auspicio per tutti)  è venuto alla luce “Sul margine”, il mio nuovo libro, edito da Interno Libri Edizioni con la cura e la disponibilità di Andrea Cati e con lo sguardo acuto e profondo di  Franca Alaimo( che mi ritrovo ancora una volta a ringraziare) . Il libro è impreziosito dall’arte di Deborah Allo, nota Fumettista,( https://instagram.com/deborah.allo.zoo?igshid=YmMyMTA2M2Y=)   che  ha illustrato la copertina. Grazie nipotina!
Il libro è acquistabile al momento qui:
https://internolibri.com/libro/sul-margine/
Possiate leggerlo. Grazie

Normalità

Ci deve essere più del suono

rauco di gabbiani del tanfo di versi

asciutti planati dalla risacca

del gesto muto dentro il petto

più di questo magma nell’aria buia

del suono inodore di abbracci mancati

di un credo inutile che non protegge

forse c’è di più ma io non lo saprò mai

perché è impossibile respirare

quando anneghi in vortici di gelo

©Maria Allo

caducità

Ogni pianto ogni passo si leva al mattino

concesso a tutti

tra sillabe in fuga e inverni in frantumi

con la luce reversibile del bianco

vedi– scandisce la libertà della morte

puntuale e non c’è dolore in ascolto

come ciglio di strada fra tutto ciò

che tace sopra il mondo incontro

alla radice dell’alba intatta di rugiada

©Maria Allo

Quella terra di pace

Aiutaci nei meandri del quotidiano

a cercare la voce perduta

si cammina dietro tracce straniere

 con l’anima nuda senza un suono

Tu sai cosa sia la vita

aiutaci a proteggerla

Coèfore imboccano porte buie

Il tulipano con petali di carne

ha denti di serpente e ali

che coprono cime di olivi

Dèmoni oscuri dell’acheronte

con occhi di brace fendono l’aria

e non è la parola del poeta che suona

Che significa vita se c’è sempre

un mucchio di macerie

se ancora in Iran Masooumeh

cade sotto quella croce

se c’è una guerra in corso e altre

dimenticate devastano il mondo

In tempi segnati da pietà aiutaci

a trovare nella corteccia la sua radice

quella terra di pace nucleo di vita

©Maria Allo