natura

Maria Allo, La terra che rimane (nota di Franca Alaimo)

Poetarum Silva

Maria Allo, La terra che rimane, Controluna edizioni 2018

La poesia di Maria Allo è attraversata da una densa enigmaticità che viene generata da un costante slittamento delle cose da una dimensione quotidiana ad un’altra in cui le stesse diventano simboli e visioni. Così il mare o l’alba o l’ombra che a volte fanno parte di una scenografia reale, in cui è facile identificare il territorio catanese, a volte, invece, metaforizzano l’assoluto, la libertà, la speranza, la morte, quasi testimoni “di un’intera vita nella vita in sé”; forse perché, come recita un altro verso, “per nascita camminiamo in volo”, dove il verbo “camminare” e il sostantivo “volo” costituiscono un ossimoro (terra-aria)  che potrebbe significare e la temporaneità del sostare di ogni uomo sulla terra e la persistenza di un interiore slancio conoscitivo- spirituale verso l’ignoto.
La sua voce poetica, infatti, nell’interpretare il flusso costante della vita dall’essere allo sparire…

View original post 276 altre parole

le parole dei maestri ardono

 

a_cloud_s_walk_large

La neve tra noi respira nel blu.
Niente che si possa salvare nella nebbia dell’Etna …
Sulla pelle e nel sangue parole reali
crescono come ombre assordanti nella sera
tra i riflessi di dicembre.
C’è furia e sgomento nelle gole
c’è disordine e disperazione
e non c’è riva sul greto del fiume
così il marciume resta nell’incuria criminale
tra i famelici e gli empi avidi e rapaci.
E noi passiamo oltre per esistere ancora
ignavi ben protetti e non rivendichiamo
nulla alla vita al presente alla terra
al futuro al mondo alla scrittura
eppure” le parole dei maestri ardono
anche dopo cent’anni, nonostante il greve
fardello della terra.”

© Maria Allo

 

 

 

 

 

 

Gioielli Rubati 66: Alfonsina Caterino – Maria Allo – Vernalda Di Tanna – Matteo “Rosko” Rusconi – Luigi Besana – Doris Emilia Bragagnini – Gary J. – Maria Giovanna Assumma.

almerighi

… VITA NON VITA

oltre il sonno profondo
illustri superfici
fresche icone di sudore
mai dimentiche di riparare nei
respiri
corrucci senza tempo

Ultimo stadio della purificazione
dopo il piacere della morte
sarà vendetta ritrovare la vita
ignara e grossa
sulla riva preistorica carezza
notturna risalita contromano
a rischiarare il barlume
incagliato
nell’era banale

Barlume sarà crocevia
memorabile
un uomo straniero
sui vetri che indugia
le proprie unghie
riflesse…

di Alfonsina Caterino, qui:
https://www.facebook.com/titti.barbato.3?__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARBV18lwS4dQHizc9hOqMPmY2KusIElNLUnRMVi2-cpR4f-hpKKfVwNy4VE7DMSddNj5i6G7MMRjazir&hc_ref=ARSKBAgSu0S8l_vRqeBPa6er_QOKFgKuKRNXHL2xDlL6wrQbn18s0qc2sl7JSDLEAj0&fref=nf

*

DOPO OGNI COSA VIVENTE

I nostri corpi sono spade lancinanti nel silenzio.
Abbiamo attraversato tempeste
con le braccia nel vento e le tempie
gonfie di pioggia nel deserto
ma non è tempo per i rimpianti.
Meglio vivere e reinventarci
prima che la memoria cancelli
anche la forma dei visi come il fuoco
che avvolge le nostre vite con queste mani
oltre la cenere e la vita di quaggiù.
Nel moto vuoto tra i nomi confusi

View original post 478 altre parole

Se non ora quando

 

consouling-store

L’alba tarda a far chiaro. / Forse accade la stessa cosa a noi. / Siamo colmi di memoria nel vento/ che passa e si dilegua/ prima di sprofondare/ urlando nell’abisso.// Mai sarà primavera per te Daniela/ Natalia o Camela e Ana Maria/ e ancora Maria Rita o Elisa/ vittime di pestaggi e torture./ Perdura davanti a noi la violenza/ come per le vie del mondo il dolore non si tramuta./ Eppure su ogni bacio è l’amore/ a trasformare in bene il male/ così in ogni riflesso della disperazione// su questa terra prona./ I loro nomi di battesimo come parole/ che l’amore aveva sperato di usare/ attraverso la pelle diffondono la luce tra i pini/ più in alto per tutte le donne. (Io segno la pace che avete dato in grazia) E tu perché continui a scrivere/ Tutto è ancora da fare.

© Maria Allo

dopo ogni cosa vivente

I nostri corpi sono spade lancinanti nel silenzio.
Abbiamo attraversato tempeste
con le braccia nel vento e le tempie
gonfie di pioggia nel deserto
ma non è tempo per i rimpianti.
Meglio vivere e reinventarci
prima che la memoria cancelli
anche la forma dei visi come il fuoco
che avvolge le nostre vite con queste mani
oltre la cenere e la vita di quaggiù.
Nel moto vuoto tra i nomi confusi
del nostro perdurare saremo
nei linguaggi del mondo come nel colmo
di una luce che l’inverno
rende lontana e le nostre esistenze
dentro i segni di un intero.
Amore, la nostra luce in cenere
continuerà a sfiorarsi dopo di noi
come dopo ogni cosa vivente.

© Maria Allo

 

 

 

 

Gioielli Rubati 62: Chiara – Alessandra Solina – Franco Bonvini – Shira Shaman – Paolo Beretta – Charles Reznikoff – LaPoetessaRossa – Maria Allo.

almerighi

ATOMOI

Ho letto Kant
“il cielo stellato sopra di me
la legge morale
dentro di”…te
e poi c’era Hegel,
causa finale
ma non efficiente,
perché è diverso, diceva,
e per capire bisogna sapere
cosa accade dopo
di me che divento
altro da (te)
e che ritorno dentro di me
e poi…? E poi vaffanculo,
infatti non era nemmeno così.
Abbiamo solo mescolato i semi
delle anime, anime nostre
e non siamo lo Sfero
e nemmeno il Nous.
Siamo solo a-tomoi,
indivisibilmente democritei
in un mondo chiamato
Iperuranio.

di Chiara, qui:
https://viaggiraccontiscrittura.wordpress.com/2019/10/15/atomoi/

*

La vida es sueño

Rotolo tra le stoffe d’Oriente
per un filo d’oro che sa di lontananza.
Il mercante fiuta le donne
e vende loro damascati e sogni.
Mi stufo facilmente delle sue ciarle,
voglio conoscere le sete col mero tatto.
La mano mi svelerà il loro viaggio:
onde delicate e marosi turbolenti,
spose lasciate sull’altare
e uomini…

View original post 552 altre parole

Nel mosaico del tempo

dav

foto mia

Quante pietre nel mosaico del tempo…
Vedi, si dissolvono nel tufo dell’esistenza
le acque cristalline dei poeti
ma il tempo ne disvela la memoria.
Nessuno mai come loro ha voce
inconfondibile dentro il brusio vocale
sotto il segno delle mode maculate.
Eppure nello sfacelo il dolore
ancora qualcosa insegna sull’amore
così si regge un peso di cenere
prima di arrivare alla radura.
Ne va di vivere col corpo e con la mente
e dopo una resistenza fuori dal comune
il destino avrà il sapore del melograno
dicibile solo al nostro amarci.

© Maria Allo

epiloghi

Il cielo diventa sempre più fragile
nel pulsare morente della terra.
Il futuro ha l’amaro del sangue versato
per la violenza della bestia
su ogni bimbo squartato
su ogni donna esplosa tra le braccia
dell’universo fottuto.
Abbiamo perduto di vista la compassione
la fede la fiducia in ogni voce umana
mentre tanta morte mutila
il secolo presente in ogni nave affondata.
Intanto il sole tramonta come sempre
e un grande silenzio scoppia sull’onda.
Indifferente.

© Maria Allo

 

 

 

L’unica realtà

Se doveste mettere delle etichette su di me la prima sarebbe essere umano, la seconda pacifista e solo se ne potessi avere una terza sarebbe folksinger.

Joan Baez

Questa luce sfumata rende omaggio agli alberi.
Tace il rumore del mondo eppure restituisce
a un luogo in cui il silenzio diviene inizio
e in nessun luogo il cerchio è chiuso
come un alfabeto nuovo che si dissolve
in una memoria più profonda.
Il seme di ciò che unisce fiorirà
in un unico corpo quando un lievito
su questa terra leverà alto un grido umano.

© Maria Allo

 

 

Gioielli Rubati 60: Loredana Semantica – Simonetta “Met” Sambiase – Mariella Tafuto – Leopoldo Attolico – Annalisa Rodeghiero – Gaia Rossella Sain – Luciana Riommi – Maria Allo.

almerighi

Tutto si ripete
con una regolarità circolare
sempre gli stessi poeti sull’altare
la Pozzi deliziosa grandioso è Montale.

Riconosci i testi sin dai primi
versi mentre lo scirocco sferza
il viso avanza il fortunale
la pioggia torrenziale si fa strada
tra le crepe allaga i campi invade
i sottoscala non è il ristoro
che apre alla vita
ma un modo metaforico
di perdere il respiro.

Tutto si ripete
le offerte ai cellulari i nomi
le proposte allettanti
le figure retoriche dei componimenti
i commenti le delusioni
le fughe dal lavoro
gli annegamenti.

di Loredana Semantica, qui:
https://www.facebook.com/loredanasemantica?__tn__=%2CdC-R-R&eid=ARAawDOlDwEW7UoIIMhVvlqEemG8ufDkyrhip4oSjPPqqvH9zq8tRN9t19Z9YeefCUE-k4NF1QSMKSVG&hc_ref=ARSB5ha3uhSqpWvA3Y38PKMCmcYpCPdlw3IK_CQsCCgFxgJb4oCkDNZgqDEafX4H4hk&fref=nf

*

Il perdono espia le pareti
scioglie i passi, nei battiti,
uno dietro all’altro il percorso delle cose
ci riconosciamo
forma
stato
instabili, circondati
come una fiamma insondabile,
non si sa spiegare
eppure si desidera
portarsi in dote a qualcun altro
raccontarsi, seconda età
terzo stato, nomi di miele nella bocca.

di Simonetta…

View original post 460 altre parole