etna

2781489_large
riverberi di fuoco
su crepe senza redenzioni
solchi senza tracce di parole
a frantumare l’alba
come un mattatoio
cerchio rovente tra i roveti
in totale anarchia
simile a un dio folle
nel freddo dell’inverno
non finirò di abbracciare
le resine amare
delle mie impronte snodate
m.a.

m.a.

T83SaRz59jI
Varco fessure crepitanti nel deserto
memorie sommerse
in bilico a una rivelazione
onda rappresa dentro un macigno
di parole.

Sprofondo nei riverberi che incastonano
granelli al macero
ogni ora da bruciare nei drappi
di ossuti timonieri
su foschia infida
che viola il sangue di ogni fratello
mi chiamerei notte
labile inconsistenza di coscienza
labbra orlate di radici .

vedi l’etna lascia scie irregolari
i suoi schizzi i miei inferni
in bilico
m.a.

07fwdmn
Insabbiature nella notte gioco di ombre
in un fardello di carne
vincolato alla carità del sangue
ribelle corrompe
ogni preghiera di flutti su labbra esangui
dietro ai rintocchi delle ore
non vi è luce se non delirio
come nel disordine
l’etna si arrovella nel fragore
tu associa i miei scritti
alla tua pace

m.a.