Risveglio

Fuori si colgono discorsi
giambi astiosi ad alta voce.
Avvio il motore. Tutto sta
nel farcela ad uscire
e ritrovare per le strade vuote
le pietre disperse con i giorni
che ho perduto. Un canto anonimo
quanto a ciò che si prova…
In fondo ascoltare se stessi
a primavera inoltrata è un fuoco
bianco come un riparo e il corpo
per voce forse preludio a un cielo
più chiaro. Ecco non assaporo più
Il frutto paziente dell’attesa

© Maria Allo

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.