Mese: novembre 2018

niente muta

Gli oggetti  parlano tra loro.

Le tende trasparenti nel salone

il caffè  dietro un  treno in corsa

la nuvola  che passa  così ogni alba

trascorre nel pulsare di un  dolore.

Nulla si perde se  la tua assenza

in controluce filtra tra le grate,

niente ora muta se la tua eco tra le rocce

screpola  e ricompone il mare.

Il sole se ne va e poi ritorna

nella voce nel buio sempre in fuga

pari ai versi ripetuti delle cose.

Tutto resta come è sempre stato.

©Maria Allo


Annunci

Aylan Kurdi sulla spiaggia di Bodrum

3-DANILO-BALDUCCI-250x180

Danilo Balducci

Lasciami parlare del mare e dei suoi abissi.
Non c’è che mare, sempre più oscuro
al cadere del vento e tra le braccia
bambini estenuati da sete e sole
su barconi in cerca di un futuro
rovesciati sulle rive.
Volti marchiati di paura
nel cuore in fuga dall’orrore.
Si fa luce nelle trasparenze
come i ricordi o ciò che manca
– vedi – resta questa gola insabbiata
un foro dentro il petto
con sterpaglie in tutte le stagioni.
Aylan Kurdi sulla spiaggia di Bodrum
resta un baluardo per restare umani.
ora non si può più ignorare.
Lasciami parlare della notte
quando si addensa
sulle tempie e sul tuo nome
allora mi rischiari e resti
dentro questa carne
strappando l’ombra e la distanza
che avvicina il cielo.
Lasciami il tuo coraggio
arato sulle labbra
custodisce i confini e li annoda alla terra.

©Maria Allo

la luce si trasforma

E nella morte vivremo, solo diversamente,
con delicata dolcezza,
dissolti nella musica…”

Adam Zagajewski

cropped-1119427_orig.jpg

Ognuno tiene un fardello che fa male.
Si riflette nel labirinto del nostro tempo
nelle crepe che sventrano la terra
nel terrore di un ponte che si piega
nella pena di un dio che non promette.
Di anno in anno la luce si trasforma.
Ecco. Dal finestrino vedo
il cielo ridestarsi dalle strade
come dalla terra il dolore
roccia diviene sotto diversa luce.

©Maria Allo