c’è luce

 artlimited_img645845_m

Stamane i gatti cercano riparo.

Il vento dispiega itinerari già tracciati

dove le foglie degli alberi si perdono

fra i gridi del presente che ci possiede

in catene.

Si sa che l’umanità ha già percorso questa strada

ma ora dissecca la linfa nelle vene ,

si confondono i linguaggi dell’uomo

dispersi in frammenti d’utopie.

Dimmi come cambiare le cose

se in ombra si scrive sul dono della luce

come Walcott dice

se memorie di voci scordate

si perdono e si ritrovano

nel vento che ora  scivola basso.

Ma io difendo in me  la vita e le cose.

 © Maria Allo

One comment

  1. Ti affido anche un pezzo della mia memoria:

    “L’uomo è una fune tesa tra il bruto e il superuomo –
    una fune sopra l’abisso.
    Pericoloso l’andare alla parte opposta, pericoloso il
    restare a mezza via, pericoloso il guardare indietro, pericoloso il tremare e l’arrestarsi.”

    (Da “Cosi parlò Zarathustra”, di F Nietzsche)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.