Armonie disperse

Scegliamo innanzi tutto un punto di partenza: riva o scena, porto o evento, navigazione o racconto. Poi diventa meno importante da dove siamo partiti e più fin dove siamo giunti: quel che si è visto e come. Talvolta tutti i mari sembrano uno solo, specie quando la traversata è lunga; talvolta ognuno di essi è un altro mare. Il Mediterraneo è a un tempo simile e in altro diverso a sé stesso”
Predrag Matvejević

8345_1712444648971322_6432275741862335915_n

photo di DANILO BALDUCCI

La forma di canale insegue il mare
intona l’acqua alle sue pietre
scintilla nella notte sconosciuta rimbalza
limpida ma non  non contiene il viaggio.
Ha tanta sete ma labbra secche come croste
cercano  la strada –vedi-  sale a picco
si ingarbuglia nel  battito ritmico
di una traversata dalle  volute chiare .
Case presenti nell’assenza  e un gioco normale di bimbo
con le braccia aperte che il padre accoglie
ma barriere e muri questi  non luoghi
che il freddo raduna nella notte
sospinto da ombre confuse  in attesa.
A nessuno verrebbe in mente di lasciare la propria casa
-come dice una poetessa somala-
ma la sopravvivenza è più forte della meta

© Maria Allo

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...