La solitudine della poesia si fonde con la linfa di alberi sfiorati dalla sofferenza del mondo

Questo cielo così freddo fra noi e l’inverno
Ho voglia solo di ordinare la casa i cassetti
lavare i vetri e i pavimenti
per ingannare certi silenzi che mettono radici
dentro la mia gola
toccare oggetti quotidiani
raccogliere i cocci del piatto lanciato contro i vetri.
Come un riparo la cura delle cose …
Ma ecco ecco la neve splendere nel sole
sulla ringhiera verde del cortile siderale
come occhi e solchi invisibili
nel turbine che ci asseconda
resta informe un sogno
mentre i rami sottili sfollano nel vento.
Come un rimedio la cura delle cose
in un prossimo fiorire per ricomporre le parole
a custodia di chi nasce e muore
e poi più nulla

Sommersi e salvati
Ogni tanto devi stare in mezzo a loro
percorrere strade malfamate
rovistare tra i rifiuti mentre cresce la fame
divenire corteccia gelata nel vento senza riparo
fame che cresce sui marciapiedi
sfidare i colpi della pioggia inciampare
sul ventre bianco del vento con l’ombra di sempre
e i giorni incisi sulle rive di sogni spietati.
Sappi che occorrono migliaia di mani
e un fuoco incessante nello sguardo
per ritrovare il senso di ogni andare

Sulle nostre bocche

Sulle nostre bocche fiorisce il deserto.
Ma c’è un confine in tutto
e il dentro compiuto
senza didascalie o schieramenti di cui porta il nome
non coniuga idee solo frammenti a mille.
A volte un pampino ci può sfiorare
nel mezzo della notte
disseminare sulla battigia sassi levigati
inseguire fantasmi di nereidi
ma non sapremo mai quanto durerà.
Sulle nostre bocche fiorisce l’attesa.
Recide l’aria densa di aromi
inchiodati alle narici su improvvisi fili di pioggia
seme come prova di memoria salvifica
ma c’è lo sgomento di essere vivi.
Sulle nostre bocche fiorisce la polvere.
A volte puntella l’ombra
e quando ormai non resterà più nulla
si sciuperà la vita stessa su tutta la terra.
E così che agisce la luce
eppure in un punto convergente
nulla accadrà mai invano

In un angolo quieto c’è ancora spazio
Mentre affiora luce nel silenzio
per il nostro domani
scrivo versi di cenere senza incipit o chiuse
con il sapore amaro di cardi
un addio su cigli di tombini.
Echi all’orizzonte svenano nel mare
bisbiglia nella memoria un bianco vasto
lambito da un’idea imperiosa
scheggia erosa dal vulcano
nel fondo della valle
cosi il sangue delle cose diviene un grumo
accanto a coèfore mute.
Ecco. Alfabeti esiliati inchiodano
invocazioni di sepolti e lamenti di morte
ora la terra è un grumo che recide i roveti grandi
mentre un biancospino nella molteplicità
delle ferite di questo strano inverno
coglie suoni di tuberose
Excedere

“Varcare la morte per vivere”
Yves Bonnefoy

Ciò che spaventa non è più la morte ma la vita.
si perdono le voci in questo rumore di pioggia
vagano oltre la soglia bianca
prima di esplodere nel silenzio
e restano le ombre di questa terra straniera.
Vedi come tutto inizia e si frantuma
nel sole che ci sfiora a tratti mentre piove
e noi sul selciato di una terra che diviene notte
dietro le sofferenze del giorno
che miete come falci.
Ma in ogni goccia di pioggia memoria di suoni
che in un solo gesto crepitano
come nel fuoco le parole
così la nostra vita all’alba mentre è ancora notte

6. Gli alberi

Gli alberi insegnano ai rami come stormire
di foglia in foglia
senza smettere mai di bisbigliare
agli occhi degli uomini
quel fluire segreto che ascende dalla terra.
Come fiumi scorrono dentro il calore del nostro fiato
Che a tratti brilla si allunga e si rivela
cosí fu e sempre sarà
ma trasparenza è ciò che rimane
dentro la goccia di un orizzonte intero.
Sfioriamo ciò che ci dissolve
quando dolore e sofferenza ci piegano
senza la risposta che prima ci ha stordito

n.1 ἀπορία
Inchiodato al cielo lo scirocco geme, vortica alla marina , invade i cortili, recide l’aria , corre nei vicoli socchiuso tra le auto ferme e non c’è fragore di vetri infranti nel silenzio del pomeriggio invernale colmo di respiro là dove nasce e si spegne .Ma il vento nel silenzio penetra gli alberi, ondula sulle abrasioni dei muri ,tra gli intonaci rossi delle case mentre il fragore del treno stride verso il nulla anche se la terra a poco a poco fa vibrare i teneri trifogli. E intanto la pioggia infuria e assale un coro di voci antiche tra gli sterpi nella dura luce del restare acuminato e del nostro umano passare nel ritmo della risacca. Ora le sillabe crollano sull’acqua dei tombini crepitando sopra le verdi cime i cardi, i nidi e i rami spogli. Eppure sui monti di roccia dura fiorisce il mondo.

n.2 ἀπορία

Se per tutto c’è termine e il fiume scava le nostre vie di ombre tronche perché sostare senza perdono? Fingersi veri senza simmetria mentre cresce nella ferita questa lama disumana che soffocando inganna , tiene svegli , mentre fredda alita la sera tra le vigne , le pietre e i ruderi di fronte …Ma in un punto invisibile la luce della luna si spande , trova luogo dentro i contorni delle cose , sulla soglia che lambisce un’altra forma umana fino al mare come una forza che mentre nasce muore.
Questo autunno indifeso tra i contrasti dei colori di Mondrian
Muore prima dell’alba con il ritmo di brume invernali
Mentre si fa nero il cielo e più lontano cadono le foglie.
Ma non è questo il punto
Si muore restando in piedi con il coraggio di un acrobata cretese
Anche se in agguato il reale assedia il nostro andare
n.3 ἀπορία
Non ha tregua l’umanità e tra nubi sparse la natura spande i resti del suo silenzio .Non resta che cenere nella memoria o questo nonsenso che è la vita . Qui non c’è campo o sono io a non avere campo. Nessuna poesia servirà. Niente da capire. Forse sprofondare non serve e tutto sarà uguale come prima. Ma il momento in cui nasce l’idea ,il raptus dell’incontro con l’idea , è vedere un pugno di terra e un biancospino , tenero , testardo mentre il cucùlo chiama solo nella notte, chiama una compagna forse smarrita sull’altra riva e i cipressi in sordina modulano controcanti . L’Etna intanto continua a digrignare e le bacche a suggerire tutti i nomi cancellati , recisi con molta discrezione. S’intende .
Scomposte le vene dalla marea di tarli
La gola secca strozza roca la voce
Un sasso nello stagno del petto
Le mani annaspano sudate

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...