Il tema del silenzio: Maria Allo 2 – foto di Massimo Grassi

LIMINA MUNDI

Annebbiano realtà di quel vento pari alle radici
Di un’infanzia scavata dentro il fragore privo di colori
Fa trasalire ancora quel ricordo vago
Che graffia le vene sui polsi
Tutta una vita a chiedersi in silenzio
Le ragioni d’imbarazzo [vanno e vengono ]
A piovermi addosso quando un dettaglio
Si flette e contorce con violenza
Il fondale disumano nelle arterie dove si annidano
Schegge quando tutto sparisce

Maria Allo

C’è mare in questo testo di Maria Allo, mare nelle more, mare nelle radici che si mostrano tra le dune, mare negli anfratti di una terra tormentata da vento e salsedine. C’è il fragore che sa di onde e di tuoni, dove non possono essere i colori, perché la vista  è sovrastata e annichilita dal senso dell’udito, si possono chiudere gli occhi in tanto rumore, rivivere gli istanti, ricostruire le immagini mentali.

4.jpg

C’è un ricordo in questo testo un ricordo accennato…

View original post 576 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...