Questa fine di Maggio

artlimited_img124635

Raggi innaturali sfavillano sui tetti.
Non riconosco questo potere cieco
di aria inchiodata sulle tempie
che goccia a goccia pietrifica l’attesa.
Lo spazio risuona senza fiato
tangibile come l’urlo che mi tiene
ad ogni ora o la mia carne che brucia
ad ogni stagione.
Questa fine di maggio senza sole
come certe cose iniziano e non hanno fine
libere al vento è crollo di sogni
che nascono e si spengono tra le rovine.
Mi manca il mare e prendo atto
del tempo che mi resta da percorrere
nella vita che mi è data vivere.
Silenzio e perdita in questa primavera
abbandonata tra le tue braccia
che affiorano sulle mie spalle mute.

© Maria Allo

 

Annunci

2 comments

  1. Farsi carico di un mistero è sinestesia di un Amore che trova senso e orientamento nel mare dei ricordi mietuti. Non fallimento. Amare il proprio errore è permettere alla vita di sorprenderci ancora per quante strade e linguaggi è capace di aprire. Quell’amore non vuole essere salvato. Ma ci salva.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...