A.Bemporad (foto)
artlimited_img456004
Voci troppo flebili su respiri di ortiche
bisbigli di arsure e distacchi
su notti piene a lapidare fedi
la natura umana a sprazzi
in questa realtà pesante di detriti

concava la furia del dire
con le idee prese dalla fretta
come rondini spaurite
che volteggiano prima di cadere
inermi giunchi nudi tra le maglie
si tingono di rosso
tra nubi scure una luce
a tratti schiude la bellezza
c’è chi si perde nel buio della notte
chi dirada nubi e ricomincia

orme e silenzi a rivestire voci

m.a.

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...