nelle notti d’aprile

è duro remare contro le rapide
quando l’acqua riflette
un volto sconosciuto

[fatti d’ogni giorno e d’ogni notte
segnati da un orologio che
ci portiamo dietro di tempo in tempo
rumori che giungono
da tempi sconosciuti
]

se gli occhi squarciassero
quel velo di nube indifferente
venatura imperfetta di gote
sempre più sottili
se il richiamo del giorno
slacciasse l’insolenza
che si condensa in risacca
con parole e alfabeti dispersi
acini nelle notti d’aprile
saremmo glicini prima di fiorire
mai nemici di foglie annodate
a grovigli di rami
m.a.

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...