mi respira


mi respira nelle mani
un inchiostro umido
di parole
-come andare in guerra-
 lembi di passato
tra le dita
annodano giunchi
di un inverno
chiaccherato
in un mondo che ci possiede
in catene

*
 
se gli occhi potessero vedere
quanta distanza ci inchioda
i passi obliqui della notte
resterei aggrappata
 alla luce precipite del giorno
*

se immagini  di antiche riluttanze
tra alberi di corrotte stagioni
parlassero di quel fuoco
intreccerei il nucleo di verità
nel risveglio di una bacca
abbarbicata al torrente
*
ma tra faggi svetto
nella nebbia
in rivolta
scampata al naufragio fluviale
mi lascerò cadere
come scivolando su libro chiuso
m.a.

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...