Nel grembo di demetra

chissà perchè all’alba l’Etna
scolpisce a caratteri di fuoco
parole incomprensibili
nel grembo di Demetra
strazia ogni respiro
voce  rovente
recide il cuore
in rulli di memorie

*
chissà perchè all’alba l’Etna
sradica dal buio tanta forza oscura
assoggetta l’universo
ne dirige il corso
dietro ad una realtà
ce n’è sempre un’altra dietro
ed un’altra ancora


si sente nelle viscere l’offesa
appare e si dilegua
radice multiforme
abisso e origine
del conoscere e del divenire

m.a

Annunci

5 comments

  1. L’immanenza del gigante buono (L’Etna) nel Tuo post aggiunge altra sintonia a quella che già ho. Anche il Tuo brano poetico ha una splendida musicalità. Con l’occasione Ti auguro una felice Pasqua. Ciao. Mimmo

    Mi piace

  2. è la trasformazione, è l’elevazione.. è ciò che non riesce a restare dentro e va sempre più in alto… sempre più su e noi di sicuro, non restiamo là nel basso..

    assolutamente: NO!!

    Tanti auguri di buona Pasqua..

    m.

    Mi piace

  3. “Anima del cielo e della terra,d’Indra e di Vishù,forma con Agni una coppia indi9ssolubile.Questa coppia avvivò il sole e le stelle” (Barth)
    Giorni di serena Primavera a te,mia dolce e cara Mary,
    Mirka

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...