Più dolce dell’Estate


Tutto è sospeso rarefatto
all’orizzonte
le nubi s’inerpicano sui monti
riflessi di figure strane
vi aleggiano sfumate
Poi tutto si fa chiaro
il porto la cupola il vulcano
il presente che svetta
nella dimensione del tempo
Oh poter essere !
-L’esserci ha primato ontico-
Il tempo è come l’orizzonte
ma c’è qualcosa più dolce dell’Estate
sopra il mare
le barche schiumono lontano
dove nessuno osa
La vastità l’azzurro-verde gli scogli
e la sua voce misteriosa
una forza pura che si nutre di magia
Dovessi decidere d’andar via
nel cuore dell’Estate
lo farei tra i gelsomini
che impazzano
e filtrano un vento profumato
sul pianoforte muto
Dovessi seppellirmi lo farei
tra i labirinti che intarsiano
i versi delle Muse
per ricordare
che le certezze hanno il colore
azzurro del mistero
che nessuno di noi
mai colse
mai

M.Allo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...